giovedì 4 aprile 2013


Francesco Gamba (La Spezia, 15 ottobre 1926Milano, 13 febbraio 2012)

Nato a La Spezia il 15 ottobre del 1926 Francesco Gamba - cugino di Pietro Gamba anch'egli disegnatore - entra nel mondo dei Fumetti nel 1947 lavorando per le Edizioni Alpe disegnando tra l'altro la seconda e la terza serie di Razzo Bill su testi di Leonello Martini.



Due anni dopo, nel 1949 disegna Musetta per le Edizioni Ippocampo. Sempre nel 1949 disegna un personaggio che viene ripubblicato in Francia con il nome di Pauvre Pierrot. Con lo psudonimo di Franz su Il Gabbiano N.3 disegna "La laguna misteriosa" e sul Gabbiano N.4 disegna "Il tesoro dei Thugs", ripubblicati in Francia.



Nel 1949-50, ancora con lo pseudonimo di Franz disegna Yorga scritto da Gianluigi Bonelli (disegnato inizialmente da Antonio Canale) e pubblicato dall'editore Gino Casarotti.



Per la ARC di Pasquale Giurleo disegna i primi episodi di Soldino Giramondo per Il Gabbiano delle Edizioni Arco che sarà pubblicato anche in Francia.



Dal 1950 realizza anche alcuni episodi del seriale Pecos Bill della Arnoldo Mondadori Editore, la testata western di maggior successo del periodo scritta da Guido Martina.



Nel 1954 è chiamato a collaborare con il mitico Aurelio Galeppini (Galep) alle tavole di Tex. Con lui disegnerà diverse storie (almeno una ventina) fino al 1965. Due, invece, gli albi di Tex realizzati interamente da Gamba: “La regina dei fuorilegge” del 1958 e “Sulla frontiera del Nevada” del 1959.
Ecco l'elenco completo degli albi di Tex disegnati da Gamba:

20, 25, 26, 27, 30, 31, 33, 34, 35, 40, 41, 43, 44, 48, 49, 64, 65, 67, 68, 69, 70, 71, 72, 73, 247.


Dal 1956, inizia il suo continuo e duraturo sodalizio con le Edizioni Audace della famiglia Bonelli, esordendo con Terry e con Yado scritti da Giovanni Luigi Bonelli e con Rocky Star di Andrea Lavezzolo che lo vorrà come colonna grafica del suo Piccolo Ranger.


TERRY (1956)
Questa divertente serie prende il via da uno spunto decisamente originale di G. L. Bonelli: due cowboy (il bel Terry e il forzuto Bronco Bill), in vacanza in Africa, vengono ingaggiati dal padre di un amico per difendere i lavori di costruzione di una nuova ferrovia, boicottati da ignoti. Lo scanzonato duo western, calato in una cornice inconsueta, dà vita a vicende ricche d'azione che sposano il western all'esotico. La realizzazione grafica era opera di Francesco Gamba, un illustratore di scuola tradizionale, dal segno immediato e accattivante che, in seguito, sarebbe diventato la colonna portante de Il Piccolo Ranger.

ROCKY STAR (1957)
Breve storia western affidata ad Andrea Lavezzolo per i testi e a Francesco Gamba per i disegni. Accusato di un omicidio che non ha commesso, il simpatico e scanzonato Rocky affronterà banditi e indiani sempre con il sorriso sulle labbra e la battuta pronta, costantemente circondato da belle fanciulle che deluderà tutte, impalmando, al termine della storia, una bionda maestrina conosciuta nel primo episodio.

 
YADO (1957)
Yado è il figlio di uno stregone dei Paiute che, per impedire al sakem della sua tribù di uccidere una donna bianca, la sposa e viene esiliato con lei. Educato dal padre e dotato di immensi poteri magici, il giovane Yado avrà come scopo la vendetta per il trattamento subìto dai suoi genitori. Il protagonista è sempre accompagnato dal fedele Kerr, un coyote, e dallo stallone Hund, con i quali, grazie ai suoi poteri magici, parla come se fossero esseri umani. Scritta da G. L. Bonelli e realizzata graficamente da Francesco Gamba, la storia dà sfogo a quell'amore che Bonelli ha sempre avuto per il magico e l'esoterico, e che trasferì poi, sporadicamente, anche in Tex.


Negli anni '50 realizza illustrazioni per libri di fiabe e di avventure per L'editrice Boschi.



Per l'editore Boschi illustra anche la serie Caribu e Penna Rossa.




Nel 1958, in particolare, per le Edizioni Audace (futura Bonelli), sui testi di Andrea Lavezzolo crea il personaggio de Il Piccolo Ranger. Va alle stampe nella Collana Audace e nel tipico formato a striscia (con ben 92 pagine), il 15 giugno del 1958.

Il primo numero del Piccolo Ranger appare nelle edicole nel classico formato a striscia. Le pubblicazioni a striscia hanno avuto una periodicità quindicinale ed il prezzo di 50 lire. Complessivamente ne sono state pubblicate 328. Le strisce erano di 100 pagine fino al n. 35 della quarta serie e 84 pagine per i restanti numeri.
Successivamente, con il riutilizzo degli albetti a striscia non venduti, l'editore ripropose la serie del Piccolo Ranger in complessive 69 raccoltine, a partire dal numero 11 della serie Supplemento alla collana Audace. Le raccoltine non hanno una periodicità ed il prezzo è di lire 100 per i primi volumetti e 120 per i restanti numeri.
Le avventure di Kit Teller proposte in formato a striscia sono state infine ristampate nel formato bonelliano degli albi giganti nella Collana Cow-Boy fino a pagina 55 del numero 89. Da questo punto in poi le storie inedite del Piccolo Ranger sono proseguite solo su questa serie che ha periodicità mensile tranne che da pagina 13 del n. 94 a pagina 39 del n. 97 che ristampa l'avventura originariamente pubblicata nei nn. 56-57 della settima serie a striscia. Il primo numero esce in edicola nel dicembre 1963 e la serie si conclude dopo 255 albi nel febbraio 1985 (albo dal titolo Rangers, addio!), in cui Kit e Frankie, terminati i loro anni con la divisa dei Rangers, si ritirano in campagna e iniziano una nuova vita da allevatori.
Nel mese di maggio 1992 viene pubblicato un albo speciale di 148 pagine intitolato Il ritorno dei rangers (soggetto e sceneggiatura di Mauro Boselli e disegni di Francesco Gamba). Un episodio inedito autoconclusivo dal titolo Documento segreto è stato pubblicato in appendice al n. 99 della Collana Araldo (Comandante Mark). Infine, nel 2006, l'Editoriale Mercury pubblica una nuova avventura inedita dal titolo "Zoltan il mago" (soggetto e sceneggiatura di Ermes Senzò e disegni di Luigi Merati).
A partire dal febbraio 2012, il Piccolo Ranger viene ristampato in una edizione per le edicole dalla If Edizioni[1]. (FORUM.TNTVILLAGE)




Storico collaboratore della Sergio Bonelli Editore, dopo aver illustrato alcuni personaggi della celebre casa editrice italiana come i gia citati TexPiccolo Ranger, Gamba disegna circa 25 albi di Zagor.

Francesco Gamba ha disegnato i seguenti numeri di Zagor:

140, 141, 156, 163, 164, 165, 175, 176, 183, 184, 189, 190, 191, 196, 197, 198, 298, 299, 325, 326, 327, 332, 333, 334,




Negli anni '80 realizza una miriade di copertine per la francese Mon Journal oltre a qualche episodio di Janus Stark. L'elenco delle copertine disegnate è interminabile: Janus Stark, La Route de l'Ouest, Le Roi de l'Exploit, Leopard, Yataca, Pirate, En Piste, Brik, Atemi, Long Rifle, Bengali, Ivanhoé, Whipii, Trophée, Mister No, Antarés ecc.  Di seguito alcune copertine degli albi citati...

 

 

 

 

 


Dal 1990 Gamba è stato il disegnatore ufficiale degli albi annuali di Cico, intramontabile spalla comica di Zagor realizzando i seguenti albi sceneggiati dal bravo Moreno Burattini ad eccezione di due Speciali sceneggiati da Tito Faraci e uno da Tiziano Sclavi:






Nel 1990 realizza alcuni episodi di River Bill su testi di Mauro Boselli che riprende un soggetto di Sergio Bonelli alias Guido Nolitta.  Nel 2006, in occasione dei festeggiamenti per il quarantennale del Comandante Mark della Essegesse, illustra il racconto Commerci pericolosi su testi di Davide Rigamonti pubblicato su Mark numero 52 edito da IF Edizioni.



Nel corso del tempo, prendendosi qualche vacanza dal fumetto, ha realizzato anche illustrazioni per il settore commerciale come accade per le coloratissime figurine di carta visibili qui sotto.







Francesco Gamba, che nei primi tempi del Piccolo Ranger disegnava fino a 60 tavole al mese, detiene il record per il più elevato numero di tavole a fumetti pubblicate dal dopoguerra ad oggi nella storia delle edizioni Bonelli: ben 21.520 tavole.
Dopo essersi ritirato dal mondo del fumetto si è spento a Milano dopo una breve malattia il 13 febbraio 2012, alle 6.30.


Disegnatore di lungo corso ha disegnato i più famosi personaggi a fumetti (da Tex a Zagor, passando per il Piccolo Ranger) lasciando un marchio indelebile nella storia del fumetto popolare italiano.I mezzi di stampa non si occuperanno di lui, nessun annuncio ufficiale, nessun ricordo televisivo, magari nemmeno un articolo sui maggiori quotidiani nazionali (speriamo di si!) ma un solo significativo, sincero GRAZIE da tutti i lettori che lo hanno amato.



I testi sono stati tratti dai siti di WIKIPEDIA, FORUM.TNTVILLAGE  e SERGIOBONELLIEDITORE.IT



Questo Blog dedicato a Francesco Gamba e gli altri Blog dedicati a Pini Segna, Carlos Alberto Santos e Giorgio Trevisan, nascono senza alcun scopo di lucro con il solo scopo di celebrare l'opera di disegnatori e artisti che conosco oppure ho conosciuto in passato. Chi ravvisasse una eventuale ed improbabile violazione dei Diritti d'Autore è pregato di contattare il blogger, cioè il sottoscritto, cliccando sull'icona VIETATO FUMETTARE.



GALLERIA



Annie 4 Pistole per un francobollo Bonelli


 
Il Piccolo Ranger

 Il Piccolo Ranger

Zagor da "Marines" una storia inedita scritta da Ade Capone


Gamba disegna il suo ultimo Tex su matite di Nicolò

Zagor da "L'Uomo Eterno"


Zagor da "Marines" una storia inedita scritta da Ade Capone

Francesco Gamba e Moreno Burattini, circa 1993
  
autoritratto di F. Gamba del 1995